La Nuova Televisione in HDR

Non abbiamo ancora fatto in tempo a goderci le meraviglie della nuova tv Ultra Hd che già si prospetta all’ orizzonte una nuova tecnologia legata alla visualizzazione delle immagini. Parliamo dell’ HDR (High Dynamic Range). I piú “smanettoni”, conoscono già questa sigla, legata alle foto realizzate anche con semplici smartphone. Un algoritmo prende le foto scattate ad esposizioni differenti, le mette insieme e restituisce un’immagine con incredibili condizioni di luminosità, creando un’ampia gamma di colori. Questo processo può essere applicato anche ad i Video. Abbiamo però bisogno di nuovi pannelli, i vecchi non sono compatibili e quindi bisognerà cambiare nuovamente televisore.

Come funziona l’HDR nel Video

lo scopo di questa nuova tecnologia è di avvicinare l’aspetto delle scene visualizzate a quello che vediamo intorno a noi nella realtà. Ad esempio, alle ore 12 di una giornata di sole, la luce fornita all’ esterno è di circa 1,6 miliardi di candele al metro quadro (cd/m2 o nit nei paesi anglosassoni pari a 1 cd/m2), mentre la luminosità (più correttamente luminanza) fornita da un cielo con stelle senza luna né nubi precipita a 0,0001 cd/m2.

televisori_hdr

L’occhio umano ha un rapporto di contrasto dinamico di ben 1.000.000:1, che però in un dato istante si riduce a 10.000:1 (rapporto di contrasto statico). Quest’ultimo valore è comunque nettamente più grande rispetto a quello restituito dai normali tv led che ha un contrasto statico reale di circa 1.000:1 mentre un buon proiettore cinematografico può arrivare a 3.000:1, mentre la luminanza è di è di appena 100 cd/m2 (al centro dello schermo, ai bordi può anche essere inferiore), che può arrivare a 500 nei monitor.

Le specifiche dell’ HDR parlano di una luminanza di 4.000 cd/m2 e un contrasto di 2.000.000:1 che vanno decisamente oltre le possibilità dei pannelli led montati sui televisori odierni.

 

I Vantaggi dei televisori in HDR

la nuova tecnologia potrà essere applicata sia ai televisori Full Hd che agli Ultra Hd visto che prescinde dalla risoluzione.Potrà essere interessato anche il cinema ed i monitor per pc e console.

I colori di un tv HDR sono più vivaci, i neri sono più profondi, gli oggetti più pronunciati. Le tonalità sono anche più esagerate, alternando colori freddi e caldi nella stessa immagine. La luminosità  sarà più simile alla luce reale del sole. La tecnologia Hdr permette di ridurre la differenza visiva tra le immagini riprodotte e la realtà che ci circonda.

Lo standard HDR

Allo stato attuale si sta studiando ancora uno standard, ad esempio quello che sta tentando di fare Dolby Vision. Il problema è anche economico. Una luminanza di 4.000 cd/m2 è raggiungibile oggi solo con un numero spropositato di led montati sul retro degli schermi della tv, che consumano e scaldano ovviamente tantissimo. Il rapporto di contrasto di 2.000.000:1, poi, è addirittura impossibile da ottenere con la tecnologia Lcd attuale.

L’alternativa è il local dimming, ovvero lo spegnimento ed accensione dei led in zone dello schermo. Questa tecnica è ormai di uso comune nelle Tv Lcd Led Edge (praticamente la totalità dei televisori venduti), ma la disposizione dei diodi luminosi lungo i bordi inferiore e superiore dello schermo
impone alle zone regolabili in luminosità una fascia allungata verticalmente, con un’altezza pari alla metà del pannello Lcd. Il risultato impossibile da ottenere.

Dovremmo tornare al Full led, ovvero i diodi disposti su tutto il pannello, una tecnologia ormai non piú usata perchè ha costi troppo elevati, ma che dovrà essere riutilizzata sui tv HDR.

tv_hdr

Potranno essere utilizzati schermi OLED che non hanno alcuna difficoltà a raggiungere il valore di 2.000.000:1. La luminanza però ora non è così alta come quella dei migliori Lcd, poiché elevarla significa ridurre in maniera significativa la longevità del pannello. Per superare questo limite, Lg (attualmente l’unico produttore di OLED) ha sviluppato nuovi composti organici più efficienti e capaci di mantenere una luminosità più elevata senza rovinarsi in breve tempo.

Chi propone contenuti in HDR

ovviamente se non ci sono video o film disponibili in HDR la tecnologia è destinata a morire. Netflix, società statunitense che propone video in streaming, ha annunciato che quella di Marco Polo sarà la prima serie ad essere presentata in HDR e 10 delle sue 60 serie originali quest’anno potrebbe seguire l’esempio. Netflix stima in circa 2,5 Mbit/s l’aumento di bit rate richiesto dall’Hdr, contro i circa 12 Mbit/s necessari per passare dal Full Hd all’Ultra Hd.

Disney ha già prodotto anche in versione Hdr il film Tomorrowland – Il mondo di domani, presentato al pubblico nei Dolby Cinema aperti in Usa. A ruota è seguito il lungometraggio di animazione Inside Out, fatto in collaborazione con Pixar. Fox ha dichiarato che offrirà al pubblico riedizioni Hdr di film già usciti (Vita di Pi ed Exodus), non solo nei cinema ma anche come video Ultra Hd, sia in Ultra Hd Blu-ray sia in streaming. Warner Bros e Dolby hanno
annunciato le uscite rimasterizzate in Hdr dei film Edge of tomorrow – Senza domani, Into the storm e Lego movie, ma solo in streaming per le Tv
compatibili con Dolby Vision.

Se ti è piaciuto Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *